Logisticamente ci parla di una interessante novità per gli imballaggi food.

Nel 2019 l’e-commerce alimentare ha registrato una crescita del 39% rispetto al 2018 pari a circa il 5% del totale della spesa online degli italiani. Nel complesso un’incidenza ancora marginale, ma destinato ad aumentare significativamente, come diffuso dall’osservatorio Digital Innovation del Politecnico di Milano.

Spedire alimenti ha la sua complessità, e fondamentale, per la scelta del giusto imballaggio alimentare, è conoscere la temperatura alla quale i prodotti devono essere conservati. Ci sono infatti prodotti come pasta, pane, uova che non sono sensibili agli sbalzi di temperatura mentre altri come latte e latticini, carne, frutta che hanno bisogno di un imballaggio che permetta il mantenimento della temperatura.

Per venire incontro a questa specifica esigenza, Propac offre all’interno della sua gamma di prodotti dedicati al settore, una busta isotermica, chiamata Isobag certificata per il contatto alimentare che garantisce il mantenimento della temperatura in un range +2°C / +8°C per circa 48 ore.

Molto capiente e flessibile, la busta ISOBAG è composta al suo interno da una schiuma espansa isolante che grazie all’azione combinata di accumulatori di freddo permette di mantenere inalterate le caratteristiche dei prodotti.

Isobag di Propac è facile da utilizzare proprio perché si adatta facilmente a molti formati di scatole: infatti dopo aver posto al suo interno prodotti e accumulatori di freddo, basterà chiudere la busta con la comoda chiusura adesiva e sistemarla all’interno della scatola scelta per la spedizione.

Il sistema di imballaggio isotermico proposto da Propac è ideale per l’e-commerce di piccoli negozi alimentari, per la vendita online di prodotti tipici, per la consegna a casa di frutta e verdura ma anche un ottimo imballo per la ristorazione online, la consegna a domicilio di ristoranti, take away, bar, gelaterie e pasticcerie. È tra i prodotti maggiormente ricercati da farmacie online e parafarmacie.

“Abbiamo lanciato questa soluzione di imballaggio alimentare circa tre anni fa, spiega Paolo Iovenitti – Direttore Generale della Propac. All’inizio è stata una scommessa perché l’ecommerce del food ed il settore delivery non erano ancora sviluppati come negli altri Paesi, ma i dati di vendita e il crescente aumento che questi settori hanno avuto in Italia, ci hanno dato ragione. Per questo motivo ad oggi la nostra gamma di prodotti per la catena del freddo si è ampliata con una linea ad hoc studiata per rispondere alle diverse esigenze di tutti i settori merceologici coinvolti”.

Per saperne di più visita il sito 
www.propac.it

VIA: www.logisticamente.it/