GUIDA ALLA FATTURAZIONE ELETTRONICA: CAPITOLO 1 - Eurosoftware

Prova

03
Ago

GUIDA ALLA FATTURAZIONE ELETTRONICA: CAPITOLO 1

Un quadro generale

Oggi cominciamo un percorso che ci porterà alla scoperta, passo dopo passo, della fatturazione elettronica. In questo primo capitolo scopriremo esattamente cos’è e in cosa consiste la fatturazione elettronica.

La “Fatturazione Elettronica” è il processo digitale che genera e gestisce le Fatture dalla emissione alla conservazione. In pratica è una normale fattura, ma nel formato digitale introdotto con la legge finanziaria 2008, in cui l’Unione Europea (EU) invita gli Stati membri a prevedere un quadro normativo e tecnologico adeguato a gestire in maniera elettronica tutto il sistema di fatturazione e controllo fiscale. Una vera rivoluzione che permette di abbandonare per sempre il supporto cartaceo e tutti i relativi costi di stampa, spedizione e conservazione, ma anche un modo efficace per semplificare le procedure di fatturazione, dematerializzare i documenti ma, soprattutto, per ridurre l’evasione fiscale.

Tutto è cominciato il 1° luglio 2018, quando è partito l’obbligo per i subappaltatori della PA e gli operatori della filiera dei carburanti. Adesso si avvicina una data importante: dal 1° gennaio 2019 l’obbligo sarà esteso a tutte le operazioni economiche tra aziende attraverso il Sistema di Interscambio (Sdl), lo stesso utilizzato per le fatture elettroniche verso la Pubblica Amministrazione già dal 2014. In pratica, il Sistema di Interscambio prevede che l’azienda acceda a un servizio web in cui è possibile caricare la fattura costruita secondo un formato standard. Per accedere al sistema, gestito dall’Agenzia delle Entrate insieme a Sogei e MEF, sarà sufficiente avere le credenziali Entratel o Fisconline o disporre di una carta nazionale dei servizi e di apposito lettore collegato al Pc (CNS) e di un indirizzo Pec.

Possiamo tranquillamente dire, quindi, che è un sistema che coinvolge diversi attori. Capiamo meglio nel dettaglio come funziona il processo. Il fornitore, il suo intermediario, il Sistema di Interscambio nazionale (SdI) e la Pubblica Amministrazione destinataria della fattura. La Pubblica Amministrazione, soggetta all’obbligo di fatturazione elettronica, deve comunicare al fornitore un codice univoco composto da lettere e numeri, chiamato codice ufficio che deve essere riportato nella fattura elettronica, insieme a Partita IVA, indirizzo, data del documento e tutti gli altri dati rilevanti ai fini fiscali.

Una volta compilata, la fattura deve essere firmata digitalmente dal soggetto emittente. Poi la fattura firmata transita dal Sistema di Interscambio, il punto di passaggio per tutte le fatture emesse verso la PA. Come abbiamo detto, è una piattaforma informatica con il compito di verificare il formato e i dati inseriti. Dopo la verifica, il SdI invia la Fattura alla Pubblica Amministrazione destinataria. Eseguite le necessarie verifiche, si procede al pagamento del fornitore. Ecco cosa sono le e-fatture.

Segui il nostro blog per sapere tutto il necessario sulla fatturazione elettronica

Capitolo 2: La fattura Elettronica PA
5 settembre

Capitolo 3: ???
ottobre

Capitolo 4: ???
novembre

Capitolo 5: ???
dicembre

Se invece sei impaziente e vuoi scoprire tutto sulla fatturazione elettronica, scarica il nostro ebook gratuito

Ti potrebbe interessare anche
L’accordo segreto tra Google e Mastercard
GUIDA ALLA FATTURAZIONE ELETTRONICA: CAPITOLO 2
10 consigli per tornare al lavoro senza stress
TECHNOLOGY for ALL: Scopriamo le novità sul forum dell’innovazione