Prova

12
Dic

Fatturazione digitale: ultima scadenza, marzo.

Il 31 marzo scatterà il secondo termine per l’obbligo di fatturazione digitale alla PA e gli enti che non si sono ancora adeguati alle procedure, lo stanno facendo proprio in questi giorni.

Secondo l’Osservatorio Fatturazione Elettronica e Dematerializzazione del Politecnico di Milano, per arrivare preparati alla data comunicata dal Governo è possibile seguire un percorso logico che si snoda in 5 passi che coinvolgono le PA, le imprese e l’intero paese:

1) dal semplice “fare” fatturazione elettronica al “fare bene” la fatturazione elettronica, per massimizzare il beneficio raggiungibile;
2) dal “fare bene” la fatturazione elettronica all’integrare la fase di fatturazione con quella di pagamento, per ridurre i tempi;
3) dall’integrazione fatturazione-pagamento alla copertura più ampia di tutto il ciclo dell’ordine, per estendere le opportunità della digitalizzazione all’interno processo relazionale cliente-fornitore;
4) dalla copertura dell’intero ciclo dell’ordine all’utilizzo della fatturazione elettronica come strumento di semplificazione per abbattere i costi della burocrazia;
5) dalla semplificazione della burocrazia all’apertura culturale verso nuovi modelli organizzativi e nuovi modi di lavorare abilitati dall’adozione di tecnologie digitali.

Tutto questo ha e avrà delle ripercussioni sa un lato sui processi delle imprese – che devono adottare un nuovo modello per emettere e archiviare le fatture – dall’altro sulle PA che devono gestirne la ricezione, la verifica e la conservazione.

Anche se con uno sforzo iniziale, i benefici che si possono ottenere dalla digitalizzazione sono rilevanti.
Secondo alcuni studi, condotti sempre dal Politecnico di Milano, adottando l’intero iter di digitalizzazione si risparmiano circa 17 € a fattura emessa ( 14 € per l’impiego di manodopera e € 3 per la riduzione di materiali/spazio utilizzato).

Il passaggio alla fatturazione elettronica verso le PA potrà anche stravolgere le procedure consuete ma rappresenta un’ottima occasione per portare il nostro paese agli standard europei.