Prova

16
Mar

31 marzo: fatturaPA all’arrivo.

L’Agenzia per l’Italia Digitale stringe gli ultimi bulloni della fatturaPA in vista della scadenza del 31 marzo 2015, quando anche le PA locali saranno obbligate a pagare solo in questo modo i propri fornitori.

Negli ultimi giorni una circolare del MEF chiarisce, una volta per tutte, quali sono le “amministrazioni pubbliche” soggette all’obbligo. Nella circolare si legge che si intendono tali “tutte le amministrazioni dello Stato, ivi compresi gli istituti e scuole di ogni ordine e grado e le istituzioni educative; le aziende ed amministrazioni dello Stato ad ordinamento autonomo; le Regioni; le Province; i Comuni; le Comunità montane, e loro consorzi e associazioni; le istituzioni universitarie; gli istituti autonomi case popolari; le camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura e le loro associazioni; tutti gli enti pubblici non economici, nazionali, regionali e locali; le amministrazioni, gli enti e le aziende del servizio sanitario nazionale; l’Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni; le Agenzie di cui al decreto legislativo 30 luglio 1999, n.300; il CONI; […] i soggetti indicati a fini statistici dall’Istituto Nazionale di Statistica nell’elenco oggetto del comunicato del medesimo Istituto; le Autorità indipendenti; le amministrazioni autonome.”